Cronaca

Acireale, furbetti del cartellino: condannati 2 dipendenti comunali

Il Gup di Catania, nell'ambito dell'inchiesta sul Comune di Acireale, ha deciso di condannare 2 dipendenti comunali: Mario Primavera e Teresa Messina. Rinviate a giudizio altre 16 persone, tutte accusate di truffa e falso

Nell'ambito dell'inchiesta sui presunti casi di assenteismo al Comune di Acireale, il Gup Flavia Panzano ha condannato due dipendenti comunali: Mario Primavera a due anni di reclusione e mille euro di multa e Teresa Messina a un anno due mesi e a 600 euro di multa. Rinviate a giudizio altre 16 persone, tutte accusate di truffa e falso. La prima udienza è stata fissata per il 13 aprile davanti la prima sezione monocratica del Tribunale.  

Secondo l'accusa, i dipendenti risultavano al lavoro, nonostante fossero assenti, grazie alla complicità tra colleghi che 'strisciavano' per loro il cartellino personale. Per il Comune di Acireale, rapppresentato dal legale Enzo Mellia, è stato disposto un risarcimento danni di 15 mila euro. Sul caso ha indagato la polizia di Acireale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acireale, furbetti del cartellino: condannati 2 dipendenti comunali

CataniaToday è in caricamento