Acireale, l'esibizione del neomelodico Vezzosi per San Sebastiano scatena le polemiche

Il cantante etneo finisce al centro di un vero e proprio caso. La Chiesa comunica la propria estraneità

Le celebrazioni per San Sebastiano ad Acireale, del prossimo 20 gennaio, si tingono del "giallo" relativo ad una presunta esibizione del cantante neomelodico etneo Gianni Vezzosi. A darne notizia è il quotidiano La Sicilia che ha ricostruito una vicenda sinora poco chiara.

Il cantante, capostipite del genere neomelodico a Catania e molto noto nell'ambiente, sarebbe stato ingaggiato per dedicare un'Ave Maria al Santo durante una delle fermate in un quartiere acese. Semplice atto di devozione o c'è dell'altro dietro? In passato la musica neomelodica è stata utilizzata come "strumento" per lanciare messaggi di predominio territoriale o per festeggiare l'uscita dal carcere di qualche affiliato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo caso si tratta soltanto di ipotesi. La Chiesa ha dichiarato di non saperne nulla e sulla questione è intervenuta anche la deputata del M5S Angela Foti chiedendo di non autorizzare manifestazioni che possano intralciare la celebrazione del Santo Patrono. Già in passato, a Catania, alcuni concerti dei neomelodici non sono stati autorizzati dalle autorità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Via Leopardi, carabinieri scoprono un "buco" che collegava una casa disabitata ad una banca

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento