menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acireale, rubavano e smerciavano mezzi pesanti impiegati nell'edilizia

Le indagini sono state avviate nei primi mesi del 2009, quando un imprenditore della provincia catanese, impegnato nella costruzione di alcuni fabbricati nel comune di Acireale, ha denunciato il furto di un martello pneumatico del valore di circa 70.000 euro

Rubavano grossi e sofisticati, nonché costosi, mezzi d’opera, impiegati nel campo dell’edilizia. Sono stati, così. sottoposti alla misura dell'obbligo di dimora nove indiziati di Acireale, tutti già pregiudicati per reati specifici contro il patrimonio e la persona.

Queste misure scaturiscono da un’attività investigativa condotta congiuntamente dagli uffici di polizia di Acireale, coordinata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Catania.

Le indagini sono state avviate nei primi mesi del 2009, quando un imprenditore della provincia catanese, impegnato nella costruzione di alcuni fabbricati nel comune di Acireale, ha denunciato presso il Commissariato di Polizia il furto di un martello pneumatico del valore di circa 70.000 euro, già montato su un grosso escavatore lasciato fermo durante la notte all’interno del cantiere edile.

In quegli stessi giorni il personale della Polizia Stradale ha ritrovato sull’autostrada A/20  “ME - PA” un autocarro FIAT IVECO con a bordo tre carrelli elevatori risultati rubati all’interno di un’azienda del comune di Barcellona Pozzo di Gotto (ME).

Le indagini tecniche immediatamente attivate dai due uffici di polizia hanno portato all’individuazione di gravi indizi di reato nei confronti degli stessi personaggi, sospettati di essere i responsabili dei furti in questione.

Numerosi sono stati i mezzi provento di furto recuperati nel corso dell’indagine: in particolare gli investigatori, dopo aver individuato, all’interno del Porto di Catania, un’acquirente proveniente dall’Algeria intento ad imbarcare alcuni automezzi pesanti su una nave diretta in Africa, riusciva a risalire ad un cementificio collocato nella provincia catanese, quale luogo ove veniva custodito il  martello pneumatico rubato nel cantiere edile acese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Catania arriva PonyU Express: per negozianti e privati

Salute

Bromelina: cos'è, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Etna, sopralluogo di Musumeci: "Un milione a sostegno delle aree più colpite"

  • Cronaca

    Coronavirus, in Sicilia 567 nuovi casi: a Catania +121

  • Politica

    Etna, Musumeci dichiara lo stato di emergenza

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento