Acireale invasa dai topi, il Sindaco si difende dai “polemisti di professione”

Secondo alcuni cittadini e consiglieri comunali, sembra che la città di Acireale sia invasa dai ratti. Dopo alcuni avvistamenti è iniziata una vera e propria psicosi del topo

Secondo alcuni cittadini e consiglieri comunali, sembra che la città di Acireale sia invasa dai ratti. Dopo alcuni avvistamenti è iniziata una vera e propria psicosi del topo, li si vedono camminare liberamente lungo le strade del centro storico e addirittura, rosicchiare antichi e preziosi documenti dentro l’archivio storico del paese.

A tutela del buon nome del paese, è intervenuto sulla questione il Sindaco Nino Garozzo dichiarando che è : “Inaccettabile che si trasmetta all’esterno l’immagine di una città invasa dai topi o di uffici prestigiosi in balia di nessunoe abbandonati, non è così”.

Viene sottolineato, come il Comune, proprio per la derattizzazione, impieghi, sempre con la dovuta tempestività, molte risorse che vanno ad interessare non solo le strade del centro, della periferia e delle frazioni, ma anche, fra gli altri, lo stesso Archivio Storico ritenuto “sotto attacco” dei topi.

Proprio per quanto riguarda l’archivio – ha aggiunto il Sindaco siamo intervenuti tre volte con la derattizzazione e la deblattizzazione, e peraltro anche di recente. Ogni volta il funzionario preposto ha avuto modo di segnalare, anche oralmente, alcune necessità, le quali sono state prontamente riscontrate, sia nell’edificio che fuori dallo stesso, anche con la manutenzione delle aree a verde esterne”.

L’amarezza – ha detto Garozzo nasce da una rappresentazione priva di fondamento che mortifica, soprattutto all’esterno, gli sforzi che giornalmente vengono profusi per il decoro della città alla vocazione turistica, solidissima. Accoglieremo, come sempre, le critiche e le segnalazioni, ma occorre dare la giusta dimensione alla realtà dei fatti e meno al protagonismo di incalliti polemisti di professione”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento