Acireale, "ingegnosi" ladri di oggetti dentro le auto: arrestati

I due malviventi utilizzavano un'apparecchiatura montata sulla loro autovettura che, emettendo delle onde sonore ad alta frequenza, impedivano agli ignari proprietari di inserire l'antifurto

Il commissariato di Acireale è riuscito a identificare l’autore di numerosi furti dentro auto avvenuti nell’ultimo mese. Senza alcuna effrazione, venivano aperte le autovetture prevalentemente di grossa cilindrata e venivano sottratti dall’interno tutti gli oggetti di valore presenti.

S.A. di anni 45, pregiudicato, in collaborazione con una giovane donna O.M. di anni 25, utilizzavano un’apparecchiatura montata sulla loro autovettura che, emettendo delle onde sonore ad alta frequenza, impedivano agli ignari proprietari delle auto di inserire l’antifurto nella propria auto con il telecomando, lasciandola così aperta.

Successivamente appena il proprietario del mezzo si allontanava interveniva S.A. e con molta naturalezza entrava nel mezzo rovistando nell’abitacolo e nel cofano rubando quanto trovava.
A seguito delle denunce presentate, il commissariato ha organizzato degli appositi servizi di osservazione diretta o a mezzo delle telecamere presenti in strada.

I due ladri, così, sono stati sorpresi all’interno del parcheggio di un centro commerciale si aggiravano con fare sospetto fra i mezzi in sosta. Sono stati posti sotto sequestro alcuni arnesi atti allo scasso e l’autovettura dove era stato montato il meccanismo utilizzato per inibire le onde elettromagnetiche dei telecomandi delle autovetture.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento