Acireale: il maltempo ha causato danni per 1,5 milioni, chiesto lo stato di calamità

Il sindaco Nino Garozzo ha inviato una lettera alla Regione in merito ai danni causati dal maltempo nei giorni 22, 27 febbraio e 10 marzo scorsi. Il Comune ha chiesto lo stato di calamità

Le forti piogge che nelle ultime due settimane si sono abbattute sulla Sicilia orientale hanno provocato diversi danni. Il paese maggiormente colpito dall’ondata di maltempo è quello di Acireale, dove i danni nel territorio comunale, secondo una stima, ammontano a oltre 1,5 milioni di euro.

L'attivazione delle procedure per il riconoscimento dello stato di calamità è stata richiesta dal sindaco di Acireale, Nino Garozzo, in una lettera inviata al dipartimento regionale della protezione civile in merito ai danni causati dal maltempo il 22, 27 febbraio e 10 marzo scorsi.

Il provvedimento è finalizzato - scrive Garozzo - all'emanazione di una ordinanza del presidente del consiglio, d'intesa on il presidente della Regione siciliana, con cui siano individuati gli interventi urgenti, i fondi necessari, relativi soggetti attuatori ed eventuali deroghe legislative necessarie per un rapido rientro nelle condizioni di ordinarietà”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento