rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Acireale, stop alla cementificazione selvaggia delle aree verdi agricole

Per l'assessore all’Urbanistica, Francesco Fichera "Acireale non ha bisogno di essere ulteriormente cementificata, ma di un riordino urbanistico in chiave ambientale. Stiamo pensando ad ulteriori iniziative possibili per arginare l’ uso del suolo indiscriminato"

Il Consiglio comunale di Acireale ha nuovamente bloccato l’insediamento di nuove cooperative edilizie nelle aree a verde agricolo. Ieri sera è stata approvata all’unanimità la proposta di diniego del settore Urbanistica, in linea con le direttive dell’Amministrazione e della III Commissione consiliare.

"E’ ferma intenzione di questa amministrazione tradurre in azione uno dei punti inseriti nel programma elettorale e non consentire ulteriore consumo di suolo per gli interventi delle cooperative- dichiara l’assessore all’Urbanistica, Francesco Fichera-sia perché il territorio non ha bisogno di ulteriore espansione edilizia, sia perché sono disponibili nel PRG aree per edilizia residenziale pubblica e privata. Tutto questo è frutto di un lavoro sinergico tra l’assessorato, gli Uffici e la terza Commissione Consiliare. L’Ufficio Urbanistica, con il contributo scientifico di Filippo Gravagno, responsabile scientifico dell’accordo di programma con l’Università di Catania per il nuovo PRG, ha avviato l’attività di ricognizione del nostro territorio e risulta che ogni cittadino ha a disposizione almeno quattro vani e mezzo. Acireale non ha bisogno di essere ulteriormente cementificata, ma di un riordino urbanistico in chiave ambientale. Per questo stiamo pensando ad ulteriori iniziative possibili per arginare l’ uso del suolo indiscriminato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acireale, stop alla cementificazione selvaggia delle aree verdi agricole

CataniaToday è in caricamento