Acireale, in arrivo progetto per scongiurare gli allagamenti

Nello specifico la Regione interverrà sulla problematica di via Wagner, una lunga arteria assai trafficata che in occasione di forti piogge si trasforma in un torrente in piena

Ad Acireale si avvia a soluzione la tormentata vicenda della via Riccardo Wagner, una lunga arteria assai trafficata che in occasione di forti piogge si trasforma in un torrente in piena, provocando seri pericoli per automobilisti e abitanti della zona. L'ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal governatore siciliano Nello Musumeci, ha infatti provveduto ad affidare la progettazione dell'intervento che consentirà di mettere fine ai devastanti allagamenti.

Sarà la Geosurvey di Catania, che si è aggiudicata la gara indetta dalla struttura commissariale diretta da Maurizio Croce, a pianificare l'intervento. La soluzione da adottare, confortata dai risultati delle indagini geologiche e geotecniche e dei calcoli idraulici che dovranno contestualmente essere effettuati, prevede la realizzazione di un doppio sistema di trincee e pozzi disperdenti ai quali affiancare una serie di caditoie carrabili. L'obiettivo è quello di convogliare e smaltire le acque piovane prima che possano invadere la rete stradale, mandando in tilt la viabilità, per poi concentrarsi nei pressi della Chiesa Madonna della Fiducia. E' prevista, inoltre, la collocazione di una grande vasca di decantazione che servirà alla raccolta di eventuali detriti che dovessero giungere attraverso la condotta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento