Aci Trezza, sanzionati 3 bar per scarse condizioni igieniche

In due attività la polizia etnea ha rilevato pessimo stato di pulizia e violazioni in materia di sicurezza sul lavoro, nella terza sono stati trovati alimenti non tracciati e lavoratori in nero

Proseguono i controlli disposti dalla Questura etnea. Questa volta sotto la lente di ingrandimento del commissariato di Borgo-Ognina, coadiuvato da personale della polizia forestale, della polizia provinciale e dell’Asp veterinari e igiene pubblica, sono finiti tre bar di Aci Trezza.

Sono state controllate  tre notissime e molto frequentate attività commerciali, site a pochi metri l’una dall’altra ed anche i tre laboratori di preparazione di dolciumi di pertinenza dei bar oggetto degli accertamenti.

Nel primo bar, sono state riscontrate precarie condizioni igienico-sanitarie all’interno della zona laboratorio. Inoltre, all’interno di un congelatore, è stata accertata la presenza di alimenti surgelati (“cartocciate”, fragoline, filetti di pollo, brioches e altri alimenti) non contrassegnati come tali nel menù esposto al pubblico. A tal riguardo, il responsabile dell’attività ha ammesso le proprie responsabilità, affermando che si trattava di una mera dimenticanza. Sono state accertate anche violazioni in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro e, nello specifico, è stato rilevato che l’impianto elettrico si trovava in cattivo stato di manutenzione, e che l’estintore a polvere non presentava la necessaria verifica periodica. Anche gli spogliatoi del personale erano in cattivo stato di pulizia e insufficienti e alcune attrezzature erano prive di dispositivi di protezione. Carenze igieniche anche per i le toilette del locale, in scarso stato di pulizia.

Per questi motivi, il titolare è stato indagato in stato di libertà per il reato di frode in commercio e gli è stata contestata la sanzione di 1000 euro per le precarie condizioni igienico sanitarie e contestate altre violazioni.

Anche nel secondo bar è stato accertato il reato di frode in commercio, ciò in quanto sono stati rinvenuti prodotti surgelati non indicati come tali nel menù ed è stata, altresì,rinvenuta carne surgelata che, oltre a non essere indicata come tale nel menù, è risultata priva di tracciabilità cioè in assenza di documentazione attestante l’origine e la provenienza. Questo alimento, inoltre, era stato sottoposto a un processo di abbattimento (il repentino calo della temperatura per consentirne la surgelazione e la staticità della carica batterica nell’alimento) che non era stato debitamente registrato. Anche qui sono state rilevate precarie condizioni igienico-sanitarie nella zona laboratorio e, infine, sono state riscontrate violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Il titolare è stato indagato in stato di libertà per il reato di frode in commercio ed inoltre sanzionato per le violazioni amministrative rilevate.

Il terzo locale controllato è stato sanzionato per la mancanza di tracciabilità degli alimenti posti in vendita: la “tavola calda” della quale, pertanto, è stata ordinata la distruzione.

Nel corso delle attività di polizia, è stata accertata anche la presenza di 16 dipendenti che al momento del controllo non sono stati in grado di produrre i contratti di lavoro: per chiarire la loro posizione, verranno interessati gli organi competenti Ispettorato del lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento