Adrano, caporal maggiore dell’esercito nascondeva erba e un fucile in casa

I carabinieri della stazione di Adrano hanno arrestato un 39enne perché responsabile di resistenza a pubblico ufficiale e detenzione abusiva di armi

I carabinieri della stazione di Adrano hanno arrestato un 39enne del posto perché responsabile di resistenza a pubblico ufficiale e detenzione abusiva di armi. I militari sono stati attivati dalla centrale operativa del comando di Paternò, che aveva ricevuto le segnalazioni di alcuni cittadini allarmati per le intemperanze dell’uomo che, in evidente stato di alterazione per l’assunzione di sostanze alcoliche, stava distruggendo gli infissi dell’appartamento limitrofo alla sua abitazione. Alla vista dei carabinieri l’uomo, caporal maggiore dell’esercito in servizio a Palermo, si è scagliato verbalmente contro di loro rifiutandosi di fornire le proprie generalità. La successiva perquisizione domiciliare nella sua abitazione, poi, ha consentito ai militari di trovare un fucile da caccia calibro 16 con una relativa cartuccia, illegalmente detenuto, un bastone di 1 metro di lunghezza, nonché una piccola quantità di marijuana di circa 2 grammi, motivo per il quale egli è stato anche segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti. L’uomo, ha inoltre tentato di aggredire i militari mentre veniva condotto in caserma per le formalità di rito, ma è stato immediatamente bloccato e ammanettato. L’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di provvedimento dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento