Adrano, controlli della polizia per il rispetto delle norme Covid-19

Denunciati quattro giovani che che dichiaravano di aver appena consumato un panino insieme e un giovane che dichiarava di essere stato poco prima a casa della propria fidanzata

Nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio finalizzati a contrastare l’emergenza coronavirus nel territorio di Adrano, personale, la polizia d Adrano ha denunciato all’Autorità giudiziaria 10 persone, tutti residenti ad Adrano, per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, alla luce delle recenti disposizioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Tra i denunciati si segnalano, in particolare, quattro giovani che venivano controllati in via Pindemonte e che dichiaravano di aver appena consumato un panino insieme, oppure un giovane che dichiarava di essere stato poco prima a casa della propria fidanzata, o chi senza valido motivo è stato controllato mentre stazionava nella centrale piazza Umberto. Nel corso dei servizi è stata anche denunciata R.S., di anni 40, sempre residente ad Adrano, per minacce e oltraggio a Pubblico ufficiale. La donna, in particolare, inveiva contro gli Agenti operanti in quanto questi ultimi poco prima “avevano osato” sanzionare il proprio figlio sorpreso a guidare un motociclo senza la prescritta patente di guida. Nella giornate successive i controlli saranno ulteriormente intensificati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento