Aeroporto di Catania,restano aperti solo tre punti ristoro

Gli orari di apertura e chiusura sono stabiliti in base ai voli in arrivo e in partenza

In risposta alla nota stampa diffusa dal sindacato Ugl in relazione all’apertura degli esercizi commerciali di ristorazione all'interno dell'Aeroporto di Catania, la Sac precisa che, proprio per rispondere a quanto disposto dal Dpcm del presidente Conte, attualmente sono solo tre i punti ristoro aperti all’interno dell’aerostazione.

"Sorprende e non poco - si legge nella nota - che un sindacato attento come l’Ugl non abbia verificato come le disposizioni del Presidente del Consiglio siano state recepite, sin da subito, dall’Aeroporto di Catania. Il Decreto della Presidente del Consiglio, infatti, prevede una deroga particolare per gli scali rimasti operativi, che consente di mantenere aperti alcuni esercizi a servizio di coloro che lavorano all'interno dell’aerostazione: personale della società di gestione, addetti alla sicurezza, Enti di Stato, Croce rossa e forze dell’ordine. Nello specifico, sono solo tre i punti ristoro operativi: uno in airside, zona partenze, dove i due esercizi presenti aprono a turno ogni due giorni, uno in landside, zona arrivi e uno in landside, zona partenze. Quest’ultimo, parte della catena McDonalds, chiuderà a breve, come da disposizioni della multinazionale su tutto il territorio italiano. Gli orari di apertura e chiusura sono stabiliti in base ai voli in arrivo e in partenza. Tutte le altre attività sono invece chiuse, come da decreto presidenziale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento