Aeroporto Fontanarossa: parcheggi economici con tariffe unificate

Una rimodulazione dei costi in chiave promozionale "anti-crisi" che, oltre ad avere concreti vantaggi economici per gli utenti, vede lo start-up del nuovo sistema d'accesso e uscita dai cinque parcheggi

Entra in vigore da oggi, 4 aprile, con il primo grande flusso di traffico del 2012, il nuovo piano tariffario nei cinque parcheggi dell'Aeroporto Internazionale di Catania Fontanarossa.

Una rimodulazione dei costi in chiave promozionale "anti-crisi" che, oltre ad avere concreti vantaggi economici per gli utenti, vede lo start-up del nuovo sistema d'accesso e uscita dai cinque parcheggi - testato in via sperimentale da quindici giorni sul P2 - che renderà più semplici e fluide le operazioni di fruizione e pagamento del servizio nelle cinque aree di sosta dello scalo.

Tre delle quali, com'è noto, sono adiacenti all'aerostazione dalla quale distano appena 50 metri: P1 (interessato da lavori straordinari fino a fine aprile), P2 e P3. Mentre il P4 e il P5 distano 250 metri. 

Alla presentazione alla stampa negli uffici della SAC con il presidente, Gaetano Mancini, erano il vicepresidente SAC, Giovanni Gulino, il presidente SAC Service, Gianni Vasta, il direttore commerciale e marketing Giuseppe Interdonato, e il consigliere Salvatore Bonura.

La destinazione dei parcheggi:
P1 e P3: solo sosta breve. Dopo 6 ore si rimuove l'auto con costi a carico dell'utente.
P2 e P5: sosta mista (breve e lunga)
P4: solo sosta lunga. Si disincentiva la sosta breve per offrire più stalli a chi lascia l'auto per più giorni

Per facilitare la fruizione, in tutti i parcheggi tranne il P4 vengono unificate le tariffe e, nell'ambito di una specifica promozione, ridotti sensibilmente i costi per ogni ora di sosta consentendo agli utenti un considerevole risparmio di denaro oltre che di tempo: i parcheggi della SAC, la società di gestione dello scalo, sono infatti contigui all'aerostazione, raggiungibile comodamente a piedi.

Confermati per tutti i quindici minuti gratuiti, mentre le frazioni di ora nei parcheggi P1, P2, P3 e P5 costeranno di meno. Esempio: la sosta da 15 minuti a 1 ora si pagherà 2 euro (prima 3), due ore costeranno 3 euro (prima 5), 3 ore 4 euro (prima 7), cinque ore 6 euro (prima 10 euro).

Per consentire il turn-over delle auto, poi, nel P1 e nel P3 (solo sosta breve) dopo 6 ore di sosta l'auto viene rimossa (con costi a carico dell'utente). Mentre il P4 (solo sosta lunga) viene destinato esclusivamente agli utenti che hanno la necessità di lasciare l'auto per più giorni. Le tariffe del P4, infatti, disincentivano la sosta breve (decisamente meno economica di P1 e P3) con l'obiettivo di rendere un servizio migliore agli utenti della sosta lunga che avranno così più stalli a disposizione.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Operazione dei carabinieri contro capi clan e affiliati dei “Santapaola-Ercolano”: 31 arrestati

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Operazione "Black Lotus", alla sbarra 31 affiliati del clan Santapaola-Ercolano

  • Mafia: blitz antidroga della polizia contro il clan Arena a Librino

Torna su
CataniaToday è in caricamento