Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Affiliato ai Santapaola viene lasciato dalla compagna: prova ad ucciderla cercando di darle fuoco

Si tratta di un 48enne che era finito in carcere nell’ambito dell’operazione “Fiori Bianchi”. Una volta terminata la pena però la sua compagna, di 47 anni, si era rifatta una vita. Da qui la furia dell'uomo contro la ex: l'ha picchiata e ha tentato di bruciarla viva cospargendola di alcool. Solo per caso la donna si è salvata

E' finito di nuovo in carcere un 48enne pregiudicato - già  arrestato e condannato nell’ambito dell’operazione “Fiori Bianchi” - e affiliato al clan Santapaola. Stavolta dovrà rispondere di reati altrettanto pesanti: tentato omicidio, tentato danneggiamento ed atti persecutori. A inchiodarlo le indagini dei carabinieri di Gravina di Catania e di un pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere. Infatti l'uomo aveva un bersaglio chiaro: la sua ex convivente di 47 anni.

La colpa della donna? Quella di aver scelto di lasciarlo. Infatti l'uomo, che era stato scarcerato nell’aprile del 2018, non aveva accettato la decisione della compagna di interrompere la loro relazione sentimentale, dalla quale erano nati anche due figli che hanno 19 e 21 anni. Così per la donna era iniziata una vera e propria odissea fatta di vessazioni, continui messaggi, passaggi frequenti sotto casa dell'uomo, proibizione di incontrare altre persone al di fuori del nucleo familiare. Una escalation di violenze culminata lo scorso primo luglio quando il 48enne l’ha aggredita picchiandola in maniera selvaggia, sicuro che la donna non lo avrebbe denunciato.

Fortunamente la vittima si è rivolta ai carabinieri documentando le lesioni subite con alcune fotografie. Ma soltanto il giorno dopo, il 2 luglio, l'uomo ha tentato di uccidere sia la sua ex sia uno dei suoi due figli. Infatti, verso sera, la donna era scesa in strada e aveva visto l'ex convivente che, infuriato, stava cospargendo di alcool la sua autovettura e lo scooter del figlio. La donna ha urlato cercando di fermalo e lui, per tutta risposta, l'ha cosparsa di alcool minacciandola. Inequivocabili le sue parole folli: "Sov’è quel pezzo di …? Dov’è quel bastardo che gli devo dare fuoco? Ti do fuoco!". Ha tentato di dare fuoco alla donna ma soltanto per un caso, per via del malfunzionamento dell'accendino, la donna si è salvata ed è riuscita a mettersi in salvo. La signora ha subito denunciato i fatti ai carabinieri di Gravina i quali hanno raccolto tutte le prove che hanno riportato in carcere il 48enne,

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affiliato ai Santapaola viene lasciato dalla compagna: prova ad ucciderla cercando di darle fuoco

CataniaToday è in caricamento