menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Detenuto catanese si suicida un giorno prima di uscire dal carcere

Sarebbe stato scarcerato domani per fine pena e, invece, ha deciso di suicidarsi impiccandosi. Ieri pomeriggio un detenuto 56enne, Agatino Filia di origine catanese, si è suicidato nel carcere di Livorno

Sarebbe stato scarcerato domani per fine pena e, invece, ha deciso di suicidarsi impiccandosi. Ieri pomeriggio un detenuto 56enne, Agatino Filia di origine catanese,  si è suicidato nel carcere di Livorno con una corda ricavata da un lenzuolo,  nella tromba delle scale di accesso alla sezione.

Ad esprimersi su quanto accaduto, è Eugenio Sarno, Segretario Generale UIL PA Penitenziari. "Il suicidio di ieri porta la conta generale dei suicidi nelle carceri italiane, dal 1 gennaio 2011 ad oggi, al totale di 56. Riteniamo che un suicidio messo in atto a 48 ore dalla libertà debba aprire a nuove, amare, considerazioni su cosa è oggi la detenzione in Italia e sulle genesi di tali atti estremi. Considerato che non è il primo suicidio verificatosi in carcere in prossimità di remissione in libertà, è plausibile parlare di sindrome da paura di adattamento sociale. Evidentemente un   sistema penitenziario, ingessato e paralizzato dall’impossibilità di affermare il mandato rieducativo e risocializzante della pena e, quindi, non in grado di preparare ad una nuova vita sociale, contribuisce  ad alimentare ancor più quella spirale di disperazione che è fonte di tanti atti di autolesionismo o autosoppressione. Purtroppo ogni appello alla politica ed ai politici sul dramma penitenziario sembra cadere nel vuoto, persino il monito del Presidente Napolitano sulla prepotente urgenza di restituire civiltà e costituzionalità al sistema penitenziario , definito dal Capo dello Stato vergogna ed orrore in Europa, non trova la giusta considerazione e la necessaria attenzione. Oggi la UIL è in piazza per lo sciopero generale indetto nel pubblico impiego. La massiccia adesione di personale penitenziario e lo stato di agitazione del personale di polizia penitenziaria ( a cui è impedito per legge di scioperare) stanno a testimoniare la grande amarezza, lo sconforto, la rabbia, la frustrazione di chi quotidianamente è consapevole di dover affrontare una emergenza ordinaria privo di mezzi, strumenti e dotazioni".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Sicurezza

Risparmio di acqua ed energia: consigli e sistemi innovativi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento