Aggredisce l'ex convivente e la figlia in strada: pregiudicato in manette

Ha atteso e minacciato la vittima che, ricoverata in una struttura di protezione, si stava recando dall'assistente sociale

E' giunta all’epilogo la triste storia di violenze e maltrattamenti subiti da una giovane donna catanese: grazie all' intervento della pattuglia del commissariato Nesima – che è stata coadiuvata dal personale dell’esercito, impegnato nell’operazione “Strade Sicure”.  Nella mattinata di ieri è stato arrestato il pregiudicato M.G., responsabile del reato di stalking nei confronti dell’ex convivente.

La vittima si trovava ricoverata, all’interno di una struttura protetta di Nesima a causa delle ripetute querele per maltrattamenti e lesioni che erano state presentate già dal 2011. Completamente ubriaco e farneticante, M.G. ha tentato di aggredire la donna e la sua figlioletta mentre, uscite dall’istituto, si stavano presso gli uffici dell’Assistente Sociale. Solo l’intervento di polizia ed esercito ha scongiurato il peggio: l’uomo, infatti, è andato immediatamente in escandescenza, diventando sempre più violento; a bordo del suo scooter (peraltro già in stato di sequestro) ha inseguito la sua vittima e con quello stesso veicolo ha tentato di darsi alla fuga all’arrivo dei poliziotti. Bloccarlo non è stato semplice, l'uomo infatti era anche ubriaco. Alla fine, però è stato bloccato e condotto negli uffici del commissariato, dove è stato stilato il verbale di arresto che lo ha poi portato – su disposizione del Pm di turno – ad essere rinchiuso nelle camere di sicurezza.

Quella che si è conclusa ieri è una dolorosa vicenda che ha visto protagonista, suo malgrado, una donna e la sua piccola: la prima costretta a subire violenze e angherie (in un’occasione, M.G. arrivò persino a fratturarle il setto nasale), la seconda privata della serenità propria dell’infanzia, dato che le scenate e le aggressioni alla madre avvenivano spesso in sua presenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento