Aggredito con un bastone e derubato da un gruppo di extracomunitari

Uno dei responsabili, Eltire Mohiyad Abdillah, cittadino somalo del 1990 e rifugiato politico, era stato rincorso e raggiunto dalla vittima

Nella serata di ieri, Volanti che perlustravano la zona vicino alla Stazione Centrale  sono intervenute per un’aggressione in atto. I poliziotti hanno subito messo in sicurezza la vittima dalla quale hanno appreso che poco prima era stata aggredita, malmenata con un bastone e privata dei propri effetti personali ad opera di un gruppo di quattro persone extracomunitarie che si erano poi dileguate per le limitrofe vie con il bottino.

Uno dei responsabili, Eltire Mohiyad Abdillah, cittadino somalo del 1990 e rifugiato politico, era stato rincorso e raggiunto dalla vittima con la quale aveva ingaggiato la colluttazione che era stata interrotta proprio dai poliziotti.

A riprova di quanto affermato dal rapinato, a carico dell’ Abdillah, gli agenti hanno sequestrato un bastone e il borsone rubato. Nello stesso frangente è stato fermato e denunciato a piede libero per il reato di rapina aggravata, un altro cittadino somalo minorenne, complice di Abdillah: il giovane è stato affidato ad una casa famiglia deel nisseno, come disposto dal Magistrato per i Minorenni. L’arrestato invece, su disposizione del P.M. di turno, è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza, in attesa della convalida dell’arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento