Calatabiano: spedizione punitiva contro il vicino di casa 28enne, 4 arresti

Ieri sera in via Lapide Vecchia, nella Frazione Pasteria di Calatabiano, i quattro arrestati si sono recati in visita dal vicino di casa, un 28enne "reo" di aver avuto un atteggiamento poco rispettoso nei loro confronti. Gli hanno intimato di andaresene, aggredendolo subito dopo il rifiuto di lasciare l'abitazione

I Carabinieri di Calatabiano e della Stazione di Riposto hanno arrestato, in flagranza, L.R.G, L.R.M. un terzo incensurato, ed A.M. per violenza privata aggravata in concorso, contestando altresì ad un componente del gruppi il porto abusivo di arma comune da sparo. Ieri sera in via Lapide Vecchia, nella Frazione Pasteria di Calatabiano, i quattro si sono recati in visita dal vicino di casa, un 28enne "reo" di aver avuto un atteggiamento poco rispettoso nei loro confronti. Con uno stratagemma si sono introdotti nell’abitazione e hanno intimato al giovane di andarsene da quella casa e tornarsene al paese d’origine.

G.L.R., ammorbato dai fumi dell’alcool ed incitato dal gruppetto di scriteriati, lo ha quindi aggredito colpendolo con calci e pugni. In difesa del poveretto è arrivato il padre, una guardia giurata di 56 anni, che con la sua presenza ha irritato ancor più l’aggressore che ha estratto una pistola cal. 6,35sparando un colpo, fortunatamente andato a vuoto. L’uomo, per evitare il peggio è stato costretto ad estrarre la propria pistola d’ordinanza sparando un colpo in aria facendo in modo che gli aggressori si allontanassero. A dare l’allarme al 112 è stata poco dopo la convivente della vittima, che nel parapiglia ha trovato la forza di chiedere aiuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tre pattuglie dell’arma sono giunte sul posto ed immediatamente sono riuscite a rintracciare ed arrestare i quattro malviventi, rinvenire in casa il bossolo sparato con la pistola cal.6,35 (ancora non ritrovata) e sequestrare, in casa di A.M., poi denunciato, 70 munizioni da caccia di vario calibro detenute illegalmente. La vittima è stata medicata nell’Ospedale di Taormina mentre gli arrestati sono stati rinchiusi nel carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento