Aggressione e lesioni personali: indagati due giovani

Gli agenti del commissariato di Adrano hanno identificato i responsabili del fatto avvenuto la notte del 21 ottobre scorso

Questa mattina, agenti del commissariato di Adrano hanno indagato il diciannovenne C.E. e il diciottenne V. F. (quest’ultimo minorenne all’epoca dei fatti), deferendoli inoltre all'autorità giudiziaria perché ritenuti responsabili di aggressione, con conseguenti lesioni personali, nei confronti di due giovani, uno dei quali minorenne, avvenuta la notte del 21 ottobre 2019, nel quartiere Patellaro – San Paolo di Adrano.

Nel corso di quella notte, il personale del Commissariato di Adrano, è intervenuto nel quartiere popolare a seguito di una segnalazione per aggressione subita da due giovani. Giunti sul posto, gli agenti hanno constatato la presenza di personale medico del 118 in procinto di prestare cure mediche a un giovane che presentava il volto completamente tumefatto e perdita di sangue causata da una ferita lacero contusa alla testa. In seguito, dopo essersi recati all’ospedale di Biancavilla, i poliziotti hanno accertato che il malcapitato era ancora in forte stato di agitazione e solo la somministrazione di farmaci sedativi lo hanno calmato. Dimesso dall’ospedale e ascoltato dagli agenti, il ferito ha dichiarato di aver riportato diverse ecchimosi al viso, una ferita alla testa con 12 punti di sutura, una frattura alle costole e un serio problema all’occhio sinistro ma non sapeva indicare le motivazioni dell’aggressione né chi potessero essere gli aggressori. Lo sviluppo dell’attività investigativa, attraverso l’ascolto di vari soggetti, l’acquisizione dei tabulati telefonici, l’esame incrociato di alcune telefonate intercorse tra la vittima e i suoi aggressori hanno consentito di acquisire chiari elementi di prova a carico di C. E. e V. F.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento