menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Madre e figlio minorenne picchiano a sangue un 31enne per "errore"

In base a quanto ricostruito dai carabinieri di Scordia, una 40enne ed un 17enne avrebbero picchiato il ragazzo per uno scambio di persona

I carabinieri di Scordia hanno denunciato una donna di 40 ed un giovane di 17 anni, madre e figlio, dopo una violenta aggressione ad un 31enne del paese. I militari sono stati allertati dalla centrale operativa di Palagonia dopo la segnalazione di una lite in corso nel parcheggio di via Bachelet di Scordia. Appena arrivati hanno avuto la presenza di un 31enne del posto visibilmente ferito al volto e dolorante. Con un’ambulanza del 118 è stato trasportato presso il nosocomio di Militello in Val di Catania per ricevere le cure necessarie. Nell’immediatezza dei fatti, la vittima non ha saputo fornire indicazioni sull’identità dei suoi assalitori né, soprattutto, sulle motivazioni che avevano scatenato il raid punitivo nei suoi confronti. Ha riportato la “frattura a più frammenti della parete anteriore e postero- laterale di entrambi i seni mascellari, frattura del setto nasale, frattura bilaterale del pavimento dell’orbita, frattura composta delle ossa proprie del naso, ematoma dei tessuti molli preorbitali, della regione zigomatica e mascellare bilateralmente”, con un primo ricovero ospedaliero di 10 giorni e successiva convalescenza. Le indagini dei militari si sono avvalse anche del prezioso aiuto di un sistema di videosorveglianza della zona. L'esame del filmato ha loro consentito d’individuare gli assalitori grazie alla loro diretta conoscenza del tessuto sociale cittadino. L’attività investigativa, inoltre, ha poi permesso di risalire anche alle motivazioni dell’aggressione dovuta, verosimilmente, ad un banale scambio di persona. Un giovane del posto, infatti, proprio quel pomeriggio aveva avuto una lite con alcune persone in quella stessa piazza e, per far valere le proprie ragioni, era ritornato successivamente armato di un martello. Le fasi successive ed il conseguente parapiglia venutosi a creare, ha parallelamente coinvolto la sfortunata ed inconsapevole vittima dell’aggressione che, purtroppo, indossava un abbigliamento simile. Per tal motivo è stato individuato come obiettivo da madre e figlio. Il giovane è stato ripreso mentre colpiva a sangue freddo il 31enne che, stramazzato al suolo ed inerme, è stato colpito con pugni e calci sul volto dalla madre che, immediatamente dopo, si è allontanata con il 17enne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Sostituzione infissi: come ottenere lo sconto in fattura

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento