Torna a casa ubriaco e armato di un machete, aggredisce la moglie: arrestato

Agenti delle volanti della Questura lo hanno bloccato mentre teneva la lama del machete alla gola della donna, dopo averle tagliato una ciocca di capelli. Era ubriaco e precedentemente l'aveva colpita al volto e all'addome

Un cingalese di 43 anni voleva aggredire la moglie con un macete ed è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia a Catania. Agenti delle volanti della Questura lo hanno bloccato mentre teneva la lama del macete alla gola della donna, dopo averle tagliato una ciocca di capelli.

Era ubriaco e precedentemente l'aveva colpita al volto e all'addome, dinanzi al figlia minorenne. La moglie è riuscita a scappare e a rifugiarsi presso gli uffici della polizia. Gli agenti dopo avere raccolto la testimonianza della donna sono intervenuti nell'abitazione della coppia, dove hanno arrestato il marito. L'uomo aveva raccolto tutti gli effetti personali della donna all'interno di buste di plastica, abbandonandole poi per strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento