Ordine dei medici parte civile nel processo contro aggressione a due dottori

L’imputato è accusato di lesioni, minacce e interruzione di pubblico servizio

L’Ordine dei Medici di Catania si costituirà parte civile nell’eventuale processo a carico dell’uomo che nell’ottobre dello scorso anno aggredì due medici del reparto di Otorinolaringoiatra dell’ospedale Garibaldi Nesima, procurando loro lesioni di vario genere. A deciderlo sono stati i commissari straordinari dell’Ordine etneo, Toti Amato, Renato Mancuso e Aldo Missale che hanno già dato incarico all’avv. Eleonora Savoca, di costituirsi nella prima udienza dinanzi al Gup Carla Valenti dell’11 giugno prossimo. L’imputato è accusato di lesioni, minacce e interruzione di pubblico servizio. In particolare, come scritto nella richiesta di rinvio a giudizio del pm Fabrizio Aliotta, il paziente minacciò e malmenò i due medici, il dott. Salvatore Ronsisvalle e il dott. Riccardo Fresta, che si rifiutarono di fargli saltare la fila senza rispettare il turno di visita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo le minacce con frasi come “non sai cu sugnu iu, ti scippu a testa”, l’accusato passò alle mani, colpendo al viso il dott. Ronsisvalle, sbattendolo contro l’armadietto dell’ambulatorio. Subito dopo si scagliò, dandogli una gomitata, contro il dott. Fresta. Oltre a provocare nei due medici traumi e lesioni, l’uomo impedì ai due sanitari di svolgere la propria attività all’interno degli ambulatori, causando una inevitabile interruzione del servizio pubblico. “Vogliamo stare accanto ai medici –dichiarano i commissari Amato, Mancuso e Missale- in un momento in cui la professione viene sempre più sottoposta ad attacchi di ogni genere da parte dell’utenza e dell’opinione pubblica. Un fenomeno, questo –concludono- che purtroppo pare non voler diminuire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

Torna su
CataniaToday è in caricamento