Ordine dei medici parte civile nel processo contro aggressione a due dottori

L’imputato è accusato di lesioni, minacce e interruzione di pubblico servizio

L’Ordine dei Medici di Catania si costituirà parte civile nell’eventuale processo a carico dell’uomo che nell’ottobre dello scorso anno aggredì due medici del reparto di Otorinolaringoiatra dell’ospedale Garibaldi Nesima, procurando loro lesioni di vario genere. A deciderlo sono stati i commissari straordinari dell’Ordine etneo, Toti Amato, Renato Mancuso e Aldo Missale che hanno già dato incarico all’avv. Eleonora Savoca, di costituirsi nella prima udienza dinanzi al Gup Carla Valenti dell’11 giugno prossimo. L’imputato è accusato di lesioni, minacce e interruzione di pubblico servizio. In particolare, come scritto nella richiesta di rinvio a giudizio del pm Fabrizio Aliotta, il paziente minacciò e malmenò i due medici, il dott. Salvatore Ronsisvalle e il dott. Riccardo Fresta, che si rifiutarono di fargli saltare la fila senza rispettare il turno di visita.

Dopo le minacce con frasi come “non sai cu sugnu iu, ti scippu a testa”, l’accusato passò alle mani, colpendo al viso il dott. Ronsisvalle, sbattendolo contro l’armadietto dell’ambulatorio. Subito dopo si scagliò, dandogli una gomitata, contro il dott. Fresta. Oltre a provocare nei due medici traumi e lesioni, l’uomo impedì ai due sanitari di svolgere la propria attività all’interno degli ambulatori, causando una inevitabile interruzione del servizio pubblico. “Vogliamo stare accanto ai medici –dichiarano i commissari Amato, Mancuso e Missale- in un momento in cui la professione viene sempre più sottoposta ad attacchi di ogni genere da parte dell’utenza e dell’opinione pubblica. Un fenomeno, questo –concludono- che purtroppo pare non voler diminuire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento