Professore aggredito, il padre dell'alunna: "Ho reagito d'istinto"

"Mia figlia mi ha telefonato intorno alle 12,30 - ricostruisce il genitore della ragazza, che ha aggredito un professore di educazione fisica in una scuola di Acicatena - e io ero vicino la scuola. Mi ha detto che l'insegnante le aveva messo le mani addosso. La mia reazione da padre è stata istintiva"

Dopo l'episodio avvenuto all'interno di una scuola media di Acicatena, dove un insegnante di educazione fisica ha dichiarato di aver subito un'aggressione gratuita da parte del padre di una sua alunna, solo per averla invitata, dichiara il professore, "a smettere di usare il telefonino", arriva la risposta del genitore che racconta una versione dei fatti opposta.

"Quando l'ho visto la mia reazione è stata immediata: gli ho dato due schiaffi e un pugno e lui è rovinato a terra" ha dichiarato l'uomo, che intervistato dal Tg dell'emittente Rei Tv, ha raccontato la sua versione dei fatti: "Mia figlia mi ha telefonato intorno alle 12,30 - ricostruisce - e io ero vicino la scuola. Mi ha detto che l'insegnante le aveva messo le mani addosso. La mia reazione da padre è stata istintiva: ho lasciato tutto e sono scappato con l'auto verso l'istituto. Durante il tragitto - aggiunge - mi sono tornate in mente delle cose che mia figlia mi aveva riferito in passato sul suo insegnante. Il giorno dopo, a sangue freddo - ammette l'aggressore - mi rendo conto che sarei dovuto andare dai carabinieri e sporgere denuncia, ma da padre mi sono lasciato vincere dall'istinto protettivo verso mia figlia minorenne. Se lo dovessi incontrare gli chiederei dei chiarimenti, oggi sono piu' calmo e rilassato". L'uomo, conclude, annunciando di avere "ritirato la figlia dalla scuola, almeno - spiega - sino a quando questa brutta vicenda non verra' chiarita nelle sedi opportune".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento