rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Calci e pugni ad un poliziotto al Vittorio Emanuele, il primario: "Brutalmente aggredito"

Un altro episodio di violenza è stato registrato, nel pomeriggio, al pronto soccorso del Vittorio Emanuele. Questa volta ad essere aggredito è stato un poliziotto intervenuto per calmare il parente di una paziente

Un altro episodio di violenza è stato registrato, nel pomeriggio, al pronto soccorso del Vittorio Emanuele. Questa volta ad essere aggredito è stato un poliziotto intervenuto per calmare il parente di una paziente. Come spiega Giuseppe Carpinteri, primario del reparto d'urgenza a CataniaToday, il parente di un paziente arrivato al triage con un codice verde, stufo di aspettare il suo turno, avrebbe iniziato ad andare in escandescenza per poi "aggredire brutalmente il poliziotto di servizio al posto fisso del nostro ospedale".

"La paziente era lì in attesa per un trauma alla mano, un codice verde - chiarisce Carpinteri - Un suo parente, non so di che grado, stanco per il tempo trascorso ha iniziato a protestare dirigendosi verso gli infermieri di guardia". "A quel punto - continua il primario - il poliziotto di servizio l'ha intercettato chiedendo cosa stesse andando a fare. Una domanda che, purtroppo, ha scatenato l'ira dell'uomo che l'ha aggredito brutalmente".

L'attacco sarebbe costato all'agente una breve prognosi, di circa dieci giorni. "Il poliziotto è stato preso a pugni e calci in malo modo da questo barbaro - aggiunge infine il dirigente medico - Un altro caso di violenza che avviene all'interno del nostro ospedale per il quale mi sento di ringraziare a nome di tutto il reparto la Polizia di Stato. Quello che ha subito oggi l'agente sarebbe potuto succedere a chiunque altro all'interno del nostro Pronto soccorso".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci e pugni ad un poliziotto al Vittorio Emanuele, il primario: "Brutalmente aggredito"

CataniaToday è in caricamento