Aggressione a medico del Vittorio Emanuele, presa la responsabile

La dottoressa, oltre a essere stata minacciata, ha pure subito il danneggiamento del telefono cellulare, finito a terra mentre stava per chiamare il 113

Ricordate l'aggressione al medico del pronto soccorso Vittorio Emanuele di alcuni giorni fa? Aggressione al Pronto soccorso del Vittorio Emanuele, Fsi: "Solidarietà alla dottoressa"
Una donna era andata in escandescenza aggredendo la dottoressa di turno e cercando di farle ingoiare il referto medico che non averlo voluto modificare in suo favore. Oggi la polizia ha individuato il responsabile. Si tratta di una catanese incensurata che dovrà rispondere di violenza a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e danneggiamento con violenza sulla persona.

I fatti si riferiscono all’aggressione subita nella serata del 16 settembre scorso da un medico in servizio presso il pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele: alla base di tanta violenza il netto rifiuto, opposto dalla professionista, alla richiesta avanzata dalla donna di modificare un referto medico.

In realtà, il documento attestava l’arbitrario allontanamento dalla sala d’osservazione dell’ospedale di una persona – parente dell’aggressore – che si era presentata per essere visitata: evidentemente questa affermazione non coincideva con gli interessi del “malato” e da qui le minacce e la violenza. La dottoressa, oltre a essere stata minacciata, ha pure subito il danneggiamento del telefono cellulare che la donna denunciata le ha strappato di mano mentre stava per chiamare il 113.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento