menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agricoltura: sindacati scendono in piazza contro estensione uso voucher

Oltre 10 mila lavoratori del settore agricolo hanno sfilato in corteo a Catania per protestare contro l'estensione dell'uso dei voucher in agricoltura. L'iniziativa rientra nell'ambito dello sciopero nazionale

Oltre 10 mila lavoratori del settore agricolo hanno sfilato in corteo a Catania per protestare contro l'estensione dell'uso dei voucher in agricoltura. L'iniziativa, a carattere regionale, rientra nell'ambito dello sciopero nazionale indetto da Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil.

Secondo i sindacati, le adesioni alla protesta sarebbero del 90% nelle aziende private e del 100% nell' Aras, l'Associazione regionale allevatori, e tra i forestali. Questi ultimi protestano anche contro la norma della finanziaria regionale che, sopprimendo l'Azienda foreste, prevede il trasferimento di 26 mila unità alle Province, provvedimento impugnato ieri dal Commissario dello Stato.

"Solidarietà e partecipazione morale" sono state espresse dai lavoratori dei Consorzi di bonifica, che per contratto di lavoro devono astenersi dallo scioperare nel primo e ultimo giorno di ogni mese. Il serpentone colorato e rumoroso è partito da piazza Trento.

In piazza Manganelli, poi, i comizi di Alfio Mannino, segretario Flai di Catania; Fabrizio Colonna, numero uno regionale Fai e Stefano Mantegazza, leader nazionale Uila. La manifestazione rientra nella mobilitazione nazionale della categoria ma ha al centro rivendicazioni regionali, relativamente ai 26 mila forestali dell'Isola; alla tematica dell'Esa; ai consorzi di bonifica; alla questione Aras.

Al nodo del "coordinamento e di un progetto unitario di sviluppo del settore che sposti l'asse dalla vecchia logica delle contribuzioni a pioggia a quella degli investimenti selettivi per far leva sulla green economy, sulla logica della filiera corta, sulla competitività delle produzioni".

Tra i temi nazionali, anche quello relativo ai cosiddetti voucher per la tutela previdenziale dei lavori agricoli a ore. Per i sindacati, "rischiano di generare una copertura previdenziale ridotta all'osso dato che questi buoni-lavoro offrono una tutela minima e non prevedono neppure il trattamento di fine rapporto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento