Ai domiciliari comunica con persone diverse dai familiari: arrestato

Ordinanza di aggravamento di misura cautelare che, ha portato alla sostituzione degli arresti domiciliari di Pavone Salvatore

Ieri, agenti del commissariato di Caltagirone su disposizione del Tribunale di Caltagirone, hanno eseguito un’ordinanza di aggravamento di misura cautelare che, ha portato alla sostituzione degli arresti domiciliari di Pavone Salvatore, con la custodia cautelare in carcere. L’aggravamento è stato determinato dalle reiterate trasgressioni alla prescrizione di non comunicare con persone diverse dai familiari, più volte accertate nel corso dei controlli di routine e tempestivamente segnalate all’Autorità giudiziaria. Il Pavone, dopo le formalità di rito è stato associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione della locale A.G.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento