menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Niente alcolici durante le partite di lega pro nei pressi dello stadio Massimino

La decisione è stata presa nel corso dell’ultima seduta del “ Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica” che ha ritenuto prioritario mantenere l'ordine all'esterno e nelle zone limitrofe dello stadio “Angelo Massimino”

ll divieto di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche, in contenitori di vetro, plastica e lattine, è stato disposto, con un’ordinanza, dal sindaco Enzo Bianco, in occasione degli incontri di calcio ed eventi della stagione 2016/2017 che si svolgeranno nello stadio “Angelo Massimino”. L'ordinanza riguarda il perimetro attorno alla stadio e cioè le vie: G. Fava, Cantone, Piazza Bonadies, Cifali, Ferrante Aporti, Lavaggi, C. Lombroso, R. Franchetti, C. Beccaria, Piazza S. Giov. Bosco, F. Filzi, Cibele, Susanna, Stazzone, M. Rapisardi nel tratto compreso tra le intersezioni di Via Stazzone e P.zza S.M. Di Gesù. 

La decisione è stata presa nel corso dell’ultima seduta del “ Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica” che ha ritenuto prioritario mantenere l'ordine  all'esterno e nelle zone limitrofe dello stadio “Angelo Massimino” in coincidenza dello svolgimento delle partite di calcio del campionato  “Lega pro”. L’ amministrazione ha ritenuto necessaria tale prescrizione rivolta agli esercizi pubblici che svolgono attività di somministrazione di alimenti e bevande, ai paninari, alle salumerie, ai supermercati, ai chioschi e similari, insieme alle attività di somministrazione ubicate all'interno dello stesso stadio.

L’ordinanza, volta a prevenire eventuali disordini e prevenire ed eliminare i gravi pericoli che potrebbero scaturire dalle bevande alcoliche e dai contenitori in vetro, plastica e lattine, dispone il divieto, a partire dalle due ore precedenti l'inizio della manifestazione e fino all'ora successiva la fine dell'evento agonistico, come nelle passate edizioni.  Gli esercizi abilitati alla ristorazione potranno far degustare vini tipici locali o birra ai propri avventori durante la consumazione dei pasti serviti ai tavoli. La mancata osservanza dell’ ordinanza sarà punita ai sensi del codice penale. In caso di recidiva sarà disposta la sospensione dell'attività di 3 giorni. Polizia Urbana e Forze dell’ Ordine vigileranno sul rispetto della disposizione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento