L'allarme della consigliera Parisi: "Servono interventi urgenti a Palazzo degli Elefanti"

L'allarme lanciato dall'esponente della lista "In campo con Pogliese"

L'allarme la consigliera Paola Parisi lo aveva lanciato durante una seduta del civico consesso e ha lamentato anche un continuo rimpallo di responsabilità che non ha risolto il problema. Palazzo degli Elefanti, la storica sede del Municipio etneo, è pericolante in alcune parti esterne. I fregi, alcune statue e marmi rischiano di cadere, specie nelle zone di alcuni balconi che si affacciano su piazza Duomo e via Etnea.

"Sono presidente della commissione che si occupa della sicurezza del lavoro - spiega a Catania Today la consigliera - e non potevo non lanciare l'allarme su una situazione che mi è stata sottoposta qualche mese fa e di cui mi sto occupando intensamente senza, però, riuscire ad arrivare a un intervento risolutivo".

Nello specifico, nel continuo gioco dello scarica barile che avviene spesos negli uffici pubblici, non si riesce a capire di chi sia la competenza per eseguire gli interventi di messa in sicurezza con un continuo rimpallo tra chi dovrebbe fare il progetto e chi i lavori.

"La situazione di pericolo c'è - aggiunge Parisi - e servirebbero almeno delle reti trasparenti da collocare in attesa degli interventi definitivi. Ho fissato un incontro con la protezione civile e ho denunciato pubblicamente questa situazione di stallo anche perché, a causa della stagione invernale e delle piogge, la situazione può soltanto peggiorare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento