Allarme dei sindacati catanesi per la Wyeth-Lederle, gruppo Pfizer

Da più di un anno e mezzo, infatti, il reparto di produzione penicillinico, considerato di punta in termini di potenzialità produttive, non rilascia prodotti sebbene i lavoratori prestino regolarmente servizio

Le segreterie provinciali di Filctem CGIL, Femca CISL e Uiltec UIL si dichiarano "fortemente preoccupate" per la Wyeth-Lederle (gruppo Pfizer) di Catania. Da più di un anno e mezzo, infatti, il reparto di produzione penicillinico, considerato di punta in termini di potenzialità produttive, non rilascia prodotti sebbene i lavoratori prestino regolarmente servizio. Sono inoltre lungi dall’essere superate le condizioni che hanno determinato il rilascio di una "Warning letter" (un avviso ufficiale) da parte dell’organismo di controllo federale americano FDA, per segnalare il mancato approvvigionamento dei prodotti fatti a Catania, all’interno del mercato USA.

"Recenti dichiarazioni dell' amministratore delegato Giuseppe Campobasso fatte in Confindustria con i segretari di categoria e confederali, hanno messo in evidenza il fatto che i volumi di Tazocin (il farmaco più importante prodotto dal sito di Catania), si ridurranno significativamente anche nei mercati diversi da quello americano, per il quale attualmente sono bloccate le produzioni e attualmente vengono richieste forme farmaceutiche non producibili a Catania", scrivono Giuseppe D’Aquila (segretario generale della Filctem CGIL Sicilia), Giovanni Romeo (segretario della Filctem CGIL di Catania), Alfio Avellino (segretario della Uiltec UIL dei Catania) e Giuseppe Coco (segretario della Femca CISL di Catania).

Il reparto di produzione di farmaci non penicillinici si ritrova a vivere situazioni complesse con forti rischi, così come affermato dallo stesso Ad, di trasferimenti tecnologici e produttivi presso altri stabilimenti. La situazione dello stabilimento di Catania è aggravata dal fatto che, nella pratica, è in atto un commissariamento da parte della casa madre americana: la presenza di consulenti, dirigenti, legali e ispettori venuti da oltre oceano, creano un clima di tensione tra i lavoratori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per le segreterie provinciali, "tutto ciò si traduce nel non rispetto delle regole contrattuali del nostro Paese, rendendo il clima aziendale ancora più pesante. Un esempio è la richiesta reiterata e continua delle prestazioni straordinarie al reparto non penicillinico per mancanza di una inadeguata organizzazione del lavoro. Tutti questi elementi, purtroppo, sono una chiara dimostrazione del fatto che il giudizio delle organizzazioni sindacali si basa su elementi concreti ed invece di assistenza al raggiungimento di soluzioni in grado di sostenere lo sviluppo, l’occupazione e la valorizzazione delle eccellenze, si assiste al consolidamento di scenari preoccupanti e pericolosi. La forte riduzione dei volumi produttivi, l’attuale mancanza di rilascio del farmaco di punta, il commissariamento di fatto dello stabilimento sono un disimpegno da parte della compagnia, dal nostro territorio. Appare grave, inoltre, che il management aziendale, sebbene caratterizzato da un continuo e costante tourn-over non riesce a governare e ad incidere minimamente sui processi in atto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento