menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza incendi, proposta una mappa per le zone più a rischio

Ad essere monitorati saranno anche i parchi cittadini come quello di via Gambetta, il Curia, il Lizzio e il boschetto della Plaia. A questi si aggiungono anche le strutture ricettive della V e VI municipalità

Con l'arrivo dell'estate l'allarme incendi in città si alza ad un livello di allerta massima, soprattutto nelle zone in cui ci sono numerosi terreni incolti e alte sterpaglie. Per questa ragione la commissione patrimonio del comune di Catania, presieduta da Salvo Tomarchio ha indetto un tavolo tecnico per mappare  zone maggiormente a rischio e segnalarle all’amministrazione comunale.

"Con le poche ricorse, in termini di uomini e mezzi, che Palazzo degli Elefanti ha a disposizione non ci possiamo permetterci di operare senza un’azione ben coordinata- afferma il presidente della commissione Salvatore Tomarchio- la scorsa estate abbiamo contato decine di casi, da Fossa Creta a Librino, dalla zona industriale a San Nullo, dal cimitero al viale Mario Rapisardi. Il forte caldo, i terreni abbandonati, le aree piene di sterpaglie sono una miscela pericolosa con fuoco e fiamme che si sviluppano a ridosso dei palazzi. Gli abitanti, quindi, si chiudono in casa in attesa dell’intervento dei vigili del fuoco".

Le grandi manovre, sul piano delle opere antincendio, in tutto il territorio del capoluogo etneo, non sono ancora iniziate. La commissione al patrimonio,insieme ai tecnici comunali, ha riflettuto e valutato ogni possibile soluzione da adottare per evitare che ettari di terreno vadano letteralmente in fumo. "In particolar modo gli abitanti del viale Divino Amore, i residenti delle palazzine a pochi passi dal parco di Monte Po e gli imprenditori della zona industriale lanciano l’allarme e chiedono interventi urgenti - sottolinea il vice presidente della commissione Ersilia Saverino- una scintilla, una cicca di sigaretta basta a provocare un rogo di vaste dimensioni. Non possiamo aspettare ancora perché l’emergenza è già cominciata. Nella zona esterna della città le aree a rischio sono decine e la parola d’ordine, dopo i casi di questi ultimi giorni, è prevenzione".

"Una prima azione di vigilanza, nell’ottica della salvaguardia del verde, potrebbe essere fatta attraverso l’impiego di una task force composta da volontari- spiega il consigliere comunale Giuseppe Catalano-. Associazioni, comitati e semplici residenti pronti a segnalare tempestivamente il pericolo fiamme, far intervenire tempestivamente i vigili del fuoco ed evitare così che il rogo si possa espandere. In aree fortemente a rischio come Fossa Creta, San Giovanni Galermo o San Nullo pochi minuti possono fare una grande differenza".

Ad essere monitorati saranno anche i parchi cittadini come quello di via Gambetta, il Curia, il Lizzio e il boschetto della Plaia. A questi si aggiungono pure le strutture ricettive della V e VI municipalità. "I terreni invasi dalle erbacce secche spesso nascondono anche discariche abusive piene di rifiuti altamente infiammabili- dichiara Carmelo Sofia, componente della commissione al Patrimonio-. Da Vaccarizzo a San Giorgio, passando per Pigno, Santa Maria Goretti e San Giuseppe La Rena occorre intervenire con la potatura del verde e l’eliminazione delle sterpaglie con l’impiego dei trattori. Primi passi, questi, per farsi trovare pronti in una stagione già caratterizzata dal gran caldo. La mappatura delle zone maggiormente a rischio e la collaborazione dei cittadini può essere un ottimo inizio, ma l’intervento di Palazzo degli Elefanti è determinante per scongiurare altri pericoli e garantire alla gente un’estate sicura"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

social

Odore d'aglio sulle mani? I rimedi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento