"Emergenza Palme", Comune: proseguono controlli e interventi in tutta la città

L'assessore D'Agata, "Siamo in costante contatto congli esperti del Digesa e stiamo lavorando anche, con l'Orto Botanico, a una programmazione su altri tipi di piante che potrebbero porre dei problemi". All'inizio della prossima settimana un puntodella situazione in una conferenza stampa

Continuano i controlli e gli interventi sulle palme sospette da parte del Comune.  Ne ha dato notizia l’assessore al Verde Rosario D’Agata ricordando come si stia lavorando di concerto con gli esperti dell’area di Difesa delle piante del Digesa – Dipartimento di gestione dei sistemi agroalimentari e ambientali – dell’Università di Catania e con il consulente per il verde del Sindaco, il dott. Annibale Sicurella.

“Dobbiamo affrontare – ha sottolineato D’Agata – questa nuova fase del comportamento del punteruolo rosso che attacca certe piante in maniera silente e trasformandole in un potenziale pericolo per l’incolumità pubblica. Dagli scienziati ci aspettiamo indicazioni  su come individuare la presenza e gestire l’infestazione di questo parassita. E stiamo pensando anche una formazione specifica sugli abbattimenti”.

“Contemporaneamente – ha detto D’Agata –stiamo lavorando anche a una programmazione di interventi su altre piante che potrebbero porre problemi. Anche in questo caso lavoreremo di concerto con l’Università grazie alla convenzione del Comune con l’Orto Botanico. Ho avuto infatti con il prof. Pietro Pavone un primo incontro operativo. Informeremo comunque tempestivamente la stampa e la popolazione”.
Un primo punto sulla situazione delle palme a Catania sarà fatto dall’Amministrazione all’inizio della prossima settimana nel corso di un incontro con i giornalisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento