Allarme rifiuti, in sciopero i netturbini senza stipendio della Simco

Il presidente del Consorzio precisa che non si tratta di un ricatto "ma è un'impossibilità oggettiva perché non abbiamo la liquidità per poter effettuare la raccolta e per pagare stipendi e fornitori"

I netturbini della Simco, il consorzio di quattro ditte che gestisce il servizio di raccolta rifiuti nei 18 comuni dell’Ato 3 “Simeto Ambiente”, da oggi sono sul piede di guerra e si asterranno dal lavoro. Sarà emergenza rifiuti in provincia di Catania?

L’assessore regionale all’Ambiente Nicolò Marino cerca di rassicurare e si lamenta sul fatto che le richieste dei lavoratori sono arrivate solo venerdì scorso "e lo stesso venerdì è stato minacciato lo sciopero.  Tutto questo non mi sembra serio".

Il presidente del Consorzio Simco, Concetta Italia, però precisa che non si tratta di un ricatto "ma è un’impossibilità oggettiva perché non abbiamo la liquidità per poter effettuare la raccolta e per pagare stipendi e fornitori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento