rotate-mobile
Cronaca

L'allarme degli allevatori siciliani: "Ci sono 1600 aziende a rischio chiusura"

L'avvocatura di Stato ha impugnato gli articoli dell’esercizio provvisorio del bilancio relativi all’assistenza tecnica agli allevatori siciliani

Sono attualmente 1600 le aziende zootecniche a rischio chiusura a causa dei costi di produzione elevati ed allo stop dell’assistenza tecnica. E' quanto reso noto da Marilina Barreca presidente della Federazione Allevatori Sicilia (Fas) con riferimento all’impugnativa per illegittimità costituzionale da parte dell’avvocatura dello Stato degli articoli dell’esercizio provvisorio del bilancio relativi proprio all’assistenza tecnica ad allevatori e del programma ministeriale dei controlli dell’attitudine produttiva latte e carne. Si tratta di servizi dati dall’istituto sperimentale zootecnico per la Sicilia.

"Questo provvedimento - aggiunge Marilina Barreca - arriva in un periodo in cui gli allevatori subiscono l’aumento dei costi di oltre 100 per cento, non hanno la giusta remunerazione per le produzioni, primo tra tutti il latte che continua ad essere pagato al di sotto di quanto costano mangimi e luce e altre materie prime indispensabili per produrlo e non mettere i sigilli alle loro aziende. Dopo anni gli allevatori siciliani stavano avendo nuovamente quell’indispensabile supporto non solo per mantenere sano il patrimonio zootecnico regionale ma anche per avere una posizione nel mercato nazionale grazie ad un importante lavoro fatto sulla genetica. La bocciatura significa che i tecnici dell’istituto prendono lo stipendio né rimborsi e ciò ha determinato lo stop del percorso virtuoso intrapreso. Se continua questo stallo si perderanno dei lavoratori capaci che conoscono il territorio, le imprese e gli aspetti legati alla loro crescita".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'allarme degli allevatori siciliani: "Ci sono 1600 aziende a rischio chiusura"

CataniaToday è in caricamento