Cronaca

Alluvione a Catania, dopo l'apocalisse monta la polemica

E' il Comune che lancia l'accusa: "Alla protezione civile comunale non era giunto dagli organi competenti della Protezione civile nazionale e regionale alcun bollettino di allerta meteo"

Montano le polemiche per il mancato avviso di criticità. E' il Comune che lancia l'accusa: "Alla protezione civile comunale non era giunto dagli organi competenti della Protezione civile nazionale e regionale alcun bollettino di allerta meteo".

L'ex governatore Raffaele Lombardo attacca il suo successore Rosario Crocetta: "Fa paura il silenzio della Regione su questa vicenda. Sembra non sia stato diramato alcun allarme dalla Protezione civile e il presidente Crocetta continua la sua campagna elettorale come niente fosse".

Respinge le accuse la Protezione civile nazionale: il Centro funzionale centrale del Dipartimento della Protezione civile ("che sostituisce quello della Regione siciliana, inadempiente dal 2004"), ieri ha emesso un bollettino di criticità per le zone della Sicilia orientale. Il dipartimento chiede, piuttosto, se l'amministrazione di Catania "sia dotata di un piano aggiornato, e magari esercitato, di protezione civile".

La Sicilia, infatti, è "l'unica Regione a non avere ancora risposto alla richiesta di conoscere quanti e quali comuni sono provvisti di un piano di emergenza". Quindi la bacchettata finale: "Prima di rifugiarsi nel ricorrente scaricabarile sarebbe utile che chi è autorità di protezione civile conoscesse il sistema e lo mettesse a regime".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione a Catania, dopo l'apocalisse monta la polemica

CataniaToday è in caricamento