Alluvioni nel Catanese, Musumeci: "Ok a declaratoria stato di calamità"

In seguito agli eventi alluvionali del 18 e 19 ottobre scorsi sono stati stimati danni alle produzioni, con particolare riguardo al settore orticolo, agrumicolo e olivicolo, per 111.390.000 euro e alle strutture per 62.512.500 euro

È stata approvata dalla Giunta regionale siciliana la proposta di declaratoria per il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la provincia di Catania. In seguito agli eventi alluvionali del 18 e 19 ottobre scorsi sono stati stimati danni alle produzioni, con particolare riguardo al settore orticolo, agrumicolo e olivicolo, per 111.390.000 euro e alle strutture per 62.512.500 euro.

Sono previsti gli aiuti in conto capitale in misura percentuale alle assegnazioni statali e l'esonero parziale del pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali dell'impresa danneggiata e dei lavoratori dipendenti. Adesso, la proposta di declaratoria verrà inviata al ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo per il riconoscimento degli aiuti.

"Per ciò che è di competenza del Governo regionale - dice l'assessore regionale all'Agricoltura, Edy Bandiera-, abbiamo espletato tutti gli atti nei tempi previsti dalla vigente normativa, adesso la palla passa al ministero e auspichiamo che il Governo nazionale, attraverso un adeguato impinguamento del fondo di solidarietà nazionale, possa consentire alle aziende colpite di vedere risarciti, in tutto o in significativa parte, i danni subiti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento