Cronaca

Covid, l'appello dei lavoratori Seus 118: “Ambienti non sanificati e radio in tilt”

Il servizio radio, fondamentale per le comunicazioni tra le ambulanze e la centrale operativa 118, secondo il sindacato Csa-Cisal andrebbe potenziato perché ormai al collasso

“Il personale Seus 118 è da mesi in prima linea nella lotta al Covid, ma merita che le parole di elogio si traducano in fatti: non è pensabile che, in piena pandemia, i luoghi in cui gli operatori si cambiano non vengano sanificati o che i cestini trabocchino di tute e mascherine senza che nessuno li svuoti, né che i tempi per sanificare i mezzi siano così lunghi da lasciare intere zone scoperte per ore, rivolgendosi poi alle ambulanze private con costi esorbitanti a carico dei cittadini”. Lo dicono Giuseppe Badagliacca e Claudio Dolce in una nota inviata al Presidente della Regione Nello Musumeci, all’assessore alla Salute Ruggero Razza e al presidente di Seus Davide Croce.

“In molti siti per la sanificazione non esistono percorsi differenti per chi è pulito e chi no, col risultato che i rischi di contagi fra i dipendenti sono in aumento. - dicono Badagliacca e Dolce - Per non parlare del fatto che il servizio radio, fondamentale per le comunicazioni tra le ambulanze e la centrale operativa 118, andrebbe potenziato perché ormai al collasso. Il bonus Covid è ormai una chimera e perfino l’una tantum da 1000 euro non è stato ancora erogato: dal Governo servono risposte forti e immediate, a tutela dei lavoratori e del servizio nell'interesse dei siciliani”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, l'appello dei lavoratori Seus 118: “Ambienti non sanificati e radio in tilt”

CataniaToday è in caricamento