rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Amt, Faisa-Cisal e Fast-Confsal: "Cassati oltre 2 milioni di euro destinati alla partecipata"

"Contestiamo il presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone che ha stralciato numerose norme dal disegno di legge diassestamento, introdotte in Commissione e fra esse, quella riguardante la cifra di 2 milioni e 300 mila euro destinata allìAmt" affermano i sindacati autonomi

L'Amt ha perso 2 milioni e 300 mila euro. A denunciarlo sono i sindacati autonomi Faisa/Cisal e Fast/Confsal che contestano il presidente dell'Ars Giuseppe Ardizzone per aver eliminato dal disegno di legge di assestamento alcune norme tra cui quella che avrebbe fatto arrivare alla partecipata etnea una grossa cifra.

Siamo indignati e condanniamo senza appello, la determinazione assunta dal presidente dell’Ars Ardizzone” hanno affermato Moschella della Cisal e Lo Schiavo della Fast.

"Non è possibile immaginare ed accettare una tale sciagurata ed irresponsabile scelta politica, dove tutto il Governo Regionale ha compartecipato, con in testa il Governatore Crocetta, a scapito dell’Amt,dei suoi lavoratori dipendenti e di tutta la collettività catanese" hanno aggiunto i sindacati autonomi.

"Il trasporto urbano in Sicilia è al collasso- continuano Faisa/Cisa e Fast/Confsal - e a farne le spese oggi più che mai è proprio l’azienda erogatrice del servizio pubblico di trasporto urbano a Catania che da qualche mese a questa parte, grazie al nuovo management, ha intrapreso un percorso virtuale, cercando in tutti i modi di risalire la china e di uscire dalle sabbie mobili nella quale, da tempo, la società partecipata si trovava soffocata.Se nel giro di alcuni giorni non dovessimo riscontrare il cambio di rotta a tale riguardo da parte del governo regionale, la Faisa e la Fast, intraprenderanno le dovute ed opportune iniziative sindacali, come sciopero dei lavoratori e sit in di protesta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amt, Faisa-Cisal e Fast-Confsal: "Cassati oltre 2 milioni di euro destinati alla partecipata"

CataniaToday è in caricamento