Anaao assomed denuncia: "I risparmi della sanità pubblica non possono gravare sulla salute dei cittadini"

“L’ANAAO ASSOMED ribadisce che i risparmi della sanità regionale non possono essere realizzati sulla pelle dei cittadini (siciliani) sfruttando sempre più gli operatori sanitari”.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Nomina del consulente legale per "vigilare l'operato dei direttori sanitari"

Aumenteranno i "viaggi della speranza" in strutture ospedaliere non siciliane

È ancora calda la notizia secondo la quale l'on.le Giuseppe Di Giacomo presidente della VI Commissione Legislativa ai Servizi Sociali e Sanitari all'ARS, abbia nominato un consulente legale (la dott.ssa Angela Barone), affinché "vigili sull'operato dei direttori generali delle aziende ospedaliere e sanitarie della Regione". Ciò per valutare se le direttive in tema di rimodulazione delle Strutture ospedaliere da loro gestite, si discostano dal dettato del Decreto 14/01/2015. Se le violazioni saranno accertate e reiterate "scatterà la denuncia all'Autorità Giudiziaria".

Nel mirino dell'on.le Giuseppe Di Giacomo, le iniziative comunicate da alcuni direttori generali all'assessorato regionale alla Sanità su chiusure di importanti strutture: il Pronto Soccorso del P.O. di Acireale (CT), la Chirurgia di Scicli (RG) la possibile chiusura del P.O. Piemonte (ME), il declassamento degli Ospedali di Ribera (AG), di Corleone e di Ingrassia (PA), di Leonforte (EN), di Mazzarino (CL).

"L'ANAAO ASSOMED - spiega Pietro Pata, segr. regionale Sicilia - ha espresso più volte la convinzione secondo cui un siffatto Piano di Rimodulazione determinerà un crollo del Servizio Sanitario Regionale ancora privo di un sistema di reti assistenziali sul territorio che possa assorbire le istanze di salute di vaste aree della regione; ci preoccupa fortemente quest'ulteriore mossa (la nomina del consulente legale) - continua Pata - che rappresenta un indicatore di difficile rapporto tra le Istituzioni (ARS e Giunta di Governo).

"L'assessorato alla Salute - prosegue Pata - è l'anello di congiunzione tra il potere legislativo, rappresentato nella fattispecie dalla VI Commissione ARS, e i direttori generali che devono muoversi, pur nell'autonomia decisionale, nel solco del dettato legislativo. Per questo motivo va riservata estrema attenzione al rispetto del crono programma di attuazione della Rimodulazione della Rete Ospedaliera, che si realizza attivando un costante confronto tra istituzioni, associazioni dei cittadini e i rappresentanti istituzionali delle parti sociali".

Un ulteriore decremento dei livelli di assistenza accentuerà l'esodo dei pazienti verso altre regioni, che già sopravvivono con l'assistenza fornita ai cittadini siciliani. L'assenza del territorio porterà in maniera sempre più pressante, al ricorso agli ospedali dove potranno aumentare gli eventi sfavorevoli che già in questi primi mesi del 2015, hanno segnato negativamente la sanità siciliana.

"L'ANAAO ASSOMED - conclude Pata - ribadisce che i risparmi della sanità regionale non possono essere realizzati sulla pelle dei cittadini (siciliani) sfruttando sempre più gli operatori sanitari".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento