rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca Cibali / Via Raimondo Franchetti, 5

Anfe, continua la protesta: lavoratori chiedono aiuto all’arcivescovo Gristina

"Nonostante atteggiamenti di solidarietà e promesse di interessamento, da parte di pochissimi personaggi del mondo della politica e dell'amministrazione locale, ad oggi non vediamo alcun barlume di luce all'orizzonte". A parlare sono gli operatori della formazione che continuano la protesta

“Nonostante atteggiamenti di solidarietà e promesse di interessamento, da parte di pochissimi personaggi del mondo della politica e dell’amministrazione locale, ad oggi non vediamo alcun barlume di luce all’orizzonte”. A parlare sono gli operatori della formazione dell’Anfe di Catania.

Da oltre una settima protestano nella sede di via Franchetti, perché sono senza stipendio. Due di loro hanno anche minacciato gesti estremi. Sono stanchi di aspettare prese di posizione da parte dell’Amministrazione Regionale e, con una nota, comunicano che nei prossimi giorni attueranno azioni di protesta, civili, sempre più forti.

"Una rappresentanza di lavoratori, simbolicamente - si legge nella nota -nelle prossime ore si incatenerà sotto la sede di via Franchetti a Catania, riservandosi di intraprendere azioni ancora più clamorose, nel caso in cui persista l’ormai cronico stato di totale disinteresse da parte delle istituzioni".

Un appello è rivolto anche all’arcivescovo di Catania, Salvatore Gristina, affinchè "presa conoscenza del dramma che stanno vivendo  le 180 famiglie dei lavoratori dell’ Anfe Catania, intervenga sollecitando e sensibilizzando le autorità competenti in virtù della carica ricoperta".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anfe, continua la protesta: lavoratori chiedono aiuto all’arcivescovo Gristina

CataniaToday è in caricamento