Decennale della morte di Filippo Raciti, il 2 febbraio cerimonia allo stadio

Il prossimo 2 febbraio ricorre il decennale della morte del commissario di polizia Filippo Raciti, caduto in servizio nel corso degli scontri della partita Catania - Palermo

Il prossimo 2 febbraio ricorre il decennale della morte del commissario di polizia Filippo Raciti, caduto in servizio nel corso degli scontri della partita Catania – Palermo del 2 febbraio 2007.

Quella data ha costituito la svolta per l’introduzione delle nuove normative in materia di violenza negli stadi, con l’elaborazione di misure specifiche e sanzioni nei confronti di quanti si dovessero rendere responsabili di azioni violente all’interno degli impianti sportivi.

Come ogni anno, nel giorno della ricorrenza, insieme ai familiari e alla presenza delle massime autorità civili e militari, il questore di Catania onorerà la sua memoria. Alle ore 10 sarà deposta una corona di alloro presso il monumento posto nello spiazzo della tribuna vip dello stadio Massimino. Nel corso della cerimonia saranno presenti oltre ai tanti colleghi della questura, anche una rappresentanza del X Reparto Mobile di Catania che già lo scorso anno si era stretto attorno alla vedova per il momento carico di emozioni della consegna del casco e della giubba indossata dal defunto collega durante i tristi momenti del 2 febbraio. Successivamente si terrà una messa in suffragio, alle ore 10,30, celebrata presso la chiesa di San Michele ai Minoriti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento