Annullati tutti gli esuberi alla Micron, la Fiom-Cgil canta vittoria

Lo rende noto la Fiom Cgil, secondo cui "oggi e' stato firmato un accordo al Ministero del lavoro e delle Politiche sociali tra Fiom Fim, Uilm e Ugl e la società 'Micron Semiconductor' grazie al quale vengono definitivamente azzerati i circa 400 esuberi sul territorio nazionale

Annullati tutti gli esuberi della Micron sul territorio nazionale, Catania compresa. Lo rende noto la Fiom Cgil, secondo cui "oggi e' stato firmato un accordo al Ministero del lavoro e delle Politiche sociali tra Fiom Fim, Uilm e Ugl e la società 'Micron Semiconductor' grazie al quale vengono definitivamente azzerati i circa 400 esuberi sul territorio nazionale, dei quali un centinaio interessavano lo stabilimento di Catania. Dalla primavera di quest'anno, l'esubero della Micron catanese aveva finito per riguardare una sola persona.

Sono stati cosi' annullati i licenziamenti collettivi datati 4 maggio 2015, utilizzando lo strumento del 'distacco' presso il Consorzio R2 di Agrate, a cui Micron partecipa.

"E' una vittoria che arriva alla fine di un lungo periodo di lotta di lavoratori e sindacati", commentano il segretario della Fiom Cgil, Stefano Materia, insieme al segretario generale della Camera del lavoro di Catania, Giacomo Rota, e a Francesco Furnari, rsu Fiom in Micron, che ha partecipato all'incontro di stamattina. Un epilogo positivo, reso possibile dalla formula del confronto, del ragionamento, della tenacia e della certezza che, ancora oggi in Italia, i diritti del lavoro e dei lavoratori hanno senso", concludono i sindacalisti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento