Annunci sul web per far prostituire la moglie di un amico: manette per l’organizzatore

Con il consenso della donna, 31 anni, il marito accenna l’idea ad un amico fidato. Questi, cogliendo al volo l’occasione di far soldi, affitta un monolocale arredato nella zona di Piazza Maria Montessori a Catania fornito di bagno con vasca idromassaggio

Era stato organizzato tutto nei minimi particolari. Con il consenso della donna, 31 anni, il marito accenna l’idea ad un amico fidato. Questi, cogliendo al volo l’occasione di far soldi, affitta un monolocale arredato nella zona di Piazza Maria Montessori a Catania fornito di bagno con vasca idromassaggio. Successivamente veicola, tramite annuncio sul web, un messaggio del tipo “sesso di gruppo - max 5 uomini – con giovane donna, se interessati contattare il numero XXXXXXXXXXX ”.

Inizia il meretricio ma dopo poco tempo un investigatore dell’Arma, in servizio alla compagnia di piazza Dante, acquisisce in strada una notizia confidenziale che gli indica quanto stia avvenendo in quel monolocale.

I militari del nucleo operativo iniziano l’attività investigativa collegandosi al web e rintracciando quell’annuncio. Si decide di contattare il numero indicato nel messaggio, di prendere un appuntamento con l’uomo che risponde al telefono e di presentarsi a quell’appuntamento come clienti interessati al sesso di gruppo. I cinque carabinieri entrano nell’appartamento trovandovi due uomini – marito ed amico – e la donna.

Uno dei militari estrae dal portafogli 100 euro – tariffa richiesta per ogni cliente - e li consegna all’uomo che li ripone nella tasca dei pantaloni. A quel punto gli operanti si qualificano arrestando l’intermediario, identificando i coniugi e perquisendo l’appartamento dov’è stato rinvenuto e sequestrato vario materiale utilizzato dalla donna per svolgere la sua attività.

A finire in manette un pregiudicato catanese di 36 anni, reo di favoreggiamento in concorso e sfruttamento della prostituzione mentre il coniuge, 43 anni, incensurato, è stato denunciato per il solo favoreggiamento. L’arrestato, in attesa del giudizio per direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso del servizio i militari si sono imbattuti, nell’androne della palazzina, in un 26enne, di Francofonte (SR), di fatto domiciliato a Catania, che sottoposto a perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di una decina di grammi tra marijuana ed anfetamina. La droga è stata sequestrata mentre il giovane è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento