Antenna Sicilia, lavoratori propongono di rilevare l'azienda: domani si decide

Lo affermano in una nota congiunta Assostampa Sicilia, Cgil e Cisl. "Sino a questo momento - si legge nel comunicato - l'azienda Sige non ha ancora dato una risposta alla proposta inoltrata ufficialmente all'assessore regionale Bruno Caruso che su questo argomento ha offerto la sua mediazione"

Domani, nella sede di Catania della Regione siciliana, la Sige, società che fa capo alla famiglia Ciancio e proprietaria di Antenna Sicilia, farà sapere ai sindacati e all'assessore regionale al lavoro se accetterà o meno la proposta fatta dai lavoratori di rilevare l'azienda per evitare i sedici licenziamenti decisi per motivi economici.

Lo affermano in una nota congiunta Assostampa Sicilia, Cgil e Cisl. "Sino a questo momento - si legge nel comunicato - l'azienda Sige non ha ancora dato una risposta alla proposta inoltrata ufficialmente all'assessore regionale Bruno Caruso che su questo argomento ha offerto la sua mediazione. Così come, l'azienda non ha ancora indicato il tecnico che dovrebbe avviare la trattativa sulla valutazione dell'emittente. Un atteggiamento di chiusura ingiustificato che suona come offesa non solo ai lavoratori e ai loro rappresentanti, ma anche alle istituzioni (dal sindaco Bianco al Consiglio comunale di Catania) e allo stesso assessore che questo progetto di working buyout hanno inteso appoggiare o comunque valutare nella sua intera complessità".

"Nella sede della Regione, a latere del tavolo di consultazione sindacale - prosegue la nota sindacale - al quale siedono i sindacati Slg-Cgil, Fistel-Cisl e Associazione siciliana della Stampa, e' stato convocato anche, con procedura inusuale e in una sede inedita, il funzionario dell'ufficio del Lavoro che dovrebbe sancire la conclusione della trattativa sindacale prevista dalla legge sui licenziamenti collettivi. Intanto tutti i lavoratori di Antenna Sicilia dai tecnici ai giornalisti - pur consapevoli della drammaticita' della situazione e pur non percependo gli stipendi da agosto continuano a lavorare col massimo impegno e con la massima professionalita' che mandano in onda i Tg anche in queste difficili settimane di trattative con la incombente minaccia dei licenziamenti".

"Lo fanno - spiega la nota sindacale - per i telespettatori che ci seguono ormai da 36 anni (e che forse presto troveranno al nostro posto un'altra sigla e un altro telegiornale acquistato e prodotto altrove), perche' intendiamo rispettare loro, la nostra storia umana e professionale, il nostro lavoro e la funzione di informare correttamente i cittadini. Come hanno sempre fatto dal 1979 sino ad oggi. E come adesso - conclude la nota - l'azienda Sige, della famiglia Ciancio, ha deciso di non farci più fare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento