Antonino Speziale su You Tube: "Sono innocente"

Processato e condannato sia in primo che in secondo grado per la morte dell'ispettore di polizia Filippo Raciti, dichiara: "Non ho commesso quell'omicidio di cui sono accusato e le carte lo dimostrano pienamente"

"Sono Antonio Speziale e sono stato accusato, ingiustamente, della morte dell'ispettore Raciti. Dico ingiustamente perchè so, nella mia coscienza, di essere innocente. Non ho commesso quell'omicidio di cui sono accusato e le carte lo dimostrano pienamente". Inizia così il breve video-messaggio pubblicato su Youtube dal giovane Antonino Speziale, processato e condannato sia in primo che in secondo grado per la morte dell'ispettore di polizia Filippo Raciti durante i disordini avvenuti intorno lo stadio 'Massimino' di Catania il 2 febbraio 2007 durante il derby calcistico fra la squadra etnea e il Palermo.

(GUARDA IL VIDEO)

Il prossimo 14 novembre a Roma, avanti la Corte Suprema di Cassazione, V Sezione Penale, si terrà l'udienza sui due ricorsi presentati dai due imputati condannati Antonino Speziale, appunto, ma anche dall'altro imputato Daniele Micale, per l'uccisione dell'ispettore di polizia. Due giorni prima, lunedi 12 novembre sempre a Roma, Speziale con i suoi legali terranno una conferenza stampa. La difesa di Speziale, 'guidata' dall'avvocato Giuseppe Lipera, ha sempre "sostenuto che la morte dell'Ispettore è avvenuta per una mera disgrazia, in quanto venne investito da un fuoristrada della polizia che si muoveva in retromarcia, circostanza questa che emerge, inconfutabilmente ed incontrovertibilmente, dagli atti del processo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento