Antonio Fiumefreddo fa i conti coi sindacati che gli chiedono di dimettersi

A contestare duramente il suo operato stavolta sono i sindacati che si scagliano persino contro la decisione di convocare i rappresentanti delle segreterie a Catania, oggi pomeriggio alle ore 15, invece che a Palermo

L'avvocato catanese Antonio Fiumefreddo, rinominato alcuni mesi fa dal presidente della Regione Rosario Crocetta amministratore di Riscossione sicilia, è nuovamente al centro della bufera politica. A contestare duramente il suo operato stavolta sono i sindacati che si scagliano persino contro la decisione di convocare i rappresentanti delle segreterie a Catania, oggi pomeriggio alle ore 15, invece che a Palermo dove ha sede l'ente regionale. Dal canto suo Fiumefreddo si mostra sereno e deciso a proseguire nel suo mandato.

VIDEO Fiumefreddo difende il suo operato

Il coordinamento aziendale di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Ugl Credito, Uilca e Unisin lo rimprovera per "non avere mantenuto gli impegni presi con i sindacati nel corso di un anno di trattative. Come suo costume, e calpestando le regole aziendali e sindacali, l’amministratore di Riscossione Sicilia convoca nella sua città i rappresentanti sindacali, e pretende perfino di limitare al minimo il numero di delegati presenti. La sede legale è Palermo, in via Morselli, le riunioni dovrebbero tenersi qui. Forse l'amministratore ha il timore di ricevere i fischi dell’ultimo incontro, in cui le centinaia di lavoratori presenti, anche grazie alla diretta streaming voluta dal sindacato unitario, hanno potuto rendersi conto della qualità e della affidabilità del nostro interlocutore".

Chiederemo un intervento- concludono- sulla totale disorganizzazione che i pochi provvedimenti dell’avvocato Fiumefreddo hanno provocato in azienda, e sulla sua assenza nella normale gestione. L’avvocato Fiumefreddo si rassegni: il personale che amministra lo ha sfiduciato da tempo, e farebbe meglio a riconsiderare la sua presenza in Riscossione Sicilia Spa".

E a proposito del ventilato annuncio di possibili licenziamenti, i sindacati precisano: “Sia chiaro infine che non sarà tollerato che si metta in discussione nemmeno un posto di lavoro, legittimamente avuto in base ad accordi e prassi, dietro al quale ci sono esseri umani e famiglie, pena l’avvio di una lotta durissima che non ha precedenti nella storia della riscossione in Sicilia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento