Apertura della “Porta Santa” del Giubileo all’interno dell’ospedale Cannizzaro

Dopo la funzione, attorno alle 11, celebranti e fedeli muoveranno in processione verso la cappella del SS. Crocifisso (a piano terra dell'edificio F2), dove l'arcivescovo leggerà il decreto e officerà il rito di apertura della Porta Santa

Sarà aperta venerdi 18 marzo, attorno alle ore 11, la “Porta Santa” del Giubileo all’interno dell’ospedale Cannizzaro di Catania. Il rito sarà celebrato dall’arcivescovo di Catania, mons. Salvatore Gristina, che prima, alle ore 10, presiederà una Santa Messa nella chiesa dell’ospedale (edificio P), concelebrata dal cappellano don Mario Torracca.

Dopo la funzione, attorno alle 11, celebranti e fedeli muoveranno in processione verso la cappella del SS. Crocifisso (a piano terra dell’edificio F2), dove l’arcivescovo leggerà il decreto e officerà il rito di apertura della Porta Santa. Alle celebrazioni parteciperanno il direttore generale Angelo Pellicanò, il direttore sanitario Salvatore Giuffrida, il direttore amministrativo Rosaria D’Ippolito, volontari e personale dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro.

"Gli ammalati e i loro familiari avranno un’importante occasione di sperimentare la misericordia di Dio: per tutto l’anno giubilare, infatti, chi passerà attraverso la Porta Santa, e osserverà le altre condizioni previste, potrà ottenere l’indulgenza plenaria», spiega don Mario Torracca, che, tra l’altro, a febbraio è stato nominato da Papa Francesco “missionario della Misericordia”, con il compito quindi di predicare la Parola di Dio e confessare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento