Appalto di servizi per l'emergenza e trasporto infermi, One Emergenza chiede spiegazioni

"La One Emergenza Società cooperativa sociale Onlus aggiudicataria della gara d’appalto indetta dall’Azienda ospedaliera Arnas 'Garibaldi' di Catania, ha diffidato il direttore generale Giorgio Giulio Santonocito, ed il dirigente responsabile del procedimento"

"La One Emergenza Società cooperativa sociale Onlus aggiudicataria della gara d’appalto indetta dall’Azienda ospedaliera Arnas “Garibaldi” di Catania, ha diffidato il direttore generale Giorgio Giulio Santonocito, ed il dirigente responsabile del procedimento, ad adempiere agli obblighi di legge previsti dalle procedure di affidamento della gara Comunitaria per il servizio di trasporto sanitario integrato per il soccorso sanitario d’urgenza ed emergenza (delibera D.G. n354 del 6/05/2016)". E' quanto si legge nella nota della One Emergenza.

Queste le ragioni contenute nel lungo e copioso carteggio che la cooperativa ha depositato in queste ore anche alla Procura della Repubblica di Catania, all’Ispettorato del lavoro ed al Prefetto di Catania. "Dopo quattro mesi di attesa: un’opposizione all’aggiudicazione, persa, dalla società ricorrente dinanzi ai giudici amministrativi del Tar di Catania; un accordo assunto e sottoscritto tra le parti datoriali e sindacali (Fp-Cgil, Fp-Cisl, Fpl-Uil), presso la sede della Confcooperative Sicilia; la firma del contratto da parte della società aggiudicataria; la direzione generale Arnas Garibaldi pone nuovi ostacoli al passaggio di consegne del 'cantiere' dalla New Città di Catania alla One Emergenza soc.coop. O meglio, si frappone come parte terza, all’immediato riassorbimento del personale impiegato nel servizio, soccorrendo le ragioni di una sigla sindacale, l’Usb di Catania. Una sigla sindacale che al momento non risulta firmataria né di accordi nazionali in relazione al CCNL né, per ovvie ragioni, di accordi territoriali. Le ragioni del ritardo, e lo “stato di agitazione” preannunciato, sarebbero da ricollegare ad un presunto diritto leso, di alcuni lavoratori", si legge nella nota.

Il 10 novembre scorso, infatti, la Direzione Territoriale di Catania dell’Assessorato regionale della Famiglia delle Politiche Sociali e del Lavoro, "ha rimesso indietro gli orologi, incurante del contratto sottoscritto dalla stessa Azienda Ospedaliera “Garibaldi”, della chiusura del verbale a conclusione dell’iter procedurale previsto allo stesso art.4 del disciplinare di gara 'esecutivo della salvaguardia occupazionale2, ha chiesto di far slittare, alla luce di 18 presunte diffide, i termini e le date del contratto", continua la nota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le diffide, secondo quanto si riferisce, sarebbero state depositate a nome e per conto del sindacato USB-Fp, presso la direzione dell’Arnas a quattro mesi di distanza dalla firma dell’accordo sottoscritto da CGIL CISL e UIL funzione pubblica, presso la sede della Confcooperative. "Una materia che riteniamo potrebbe a giusto titolo interessare autorità pubbliche ed inquirenti, al fine di chiarire l’increscioso “equivoco” in cui l’Arnas sembra essere scivolata: ansiosa di assolvere al proprio dovere istituzionale, quello di dare continuità al servizio di emergenza-urgenza, ma al tempo stesso, arbitro di un controverso e conflittuale rapporto con un sindacato di base, non firmatario di accordi nazionali di settore, ma indubbiamente capace di rimettere indietro gli orologi dell’invocata trasparenza amministrativa, a vantaggio di società che continueranno così ad operare in regime di proroga".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Sparatoria in centro commerciale dopo litigio: un ferito grave

  • Covid-19: la differenza tra test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare

  • Tentato omicidio al centro commerciale, il 19enne ha utilizzato pistola con matricola abrasa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento