Appalto rifiuti, Cgil: "Al prossimo bando necessario mantenere i livelli occupazionali"

La Cgil e la FP Cgil di Catania si dichiarano "ancora una volta preoccupati" per la gara d'appalto comunale di raccolta rifiuti andata deserta

foto archivio

La Cgil e la FP Cgil di Catania si dichiarano "ancora una volta preoccupati" per la gara d'appalto comunale di raccolta rifiuti andata deserta, e chiedono che vengano inseriti alcuni "imprescindibili contenuti" nella prossima fase di gara o di affidamento alle aziende.

Il segretario generale della Camera del lavoro Giacomo Rota, il segretario generale della FP Cgil di Catania Turi Cubito e il coordinatore del Dipartimento Igiene ambientale di Cgil Catania e coordinatore regionale Fp Cgil, Alfio Leonardi, in una nota congiunta segnalano "la necessità di mantenere i livelli occupazionali sia per gli assunti a tempo indeterminato che per i lavoratori ancora precari, ovviamente nel pieno rispetto dei contratti collettivi. Ma anche la necessità di stabilizzare i precari che, nel tempo, ne hanno pienamente maturato il diritto".

A proposito di questi ultimi, la Cgil chiede il rispetto degli accordi sottoscritti all'Ufficio provinciale del Lavoro e nel contempo non manca di sottolineare "l'inefficacia del servizio di raccolta dei rifiuti in questi anni a Catania, suddiviso in quattro aree, che è stato putroppo accompagnato da incongruenze nelle più recenti buste paga dei 778 lavoratori".

"La città non si merita sporcizia e caos, ma una gestione prima di tutto normale della pulizia cittadina, e di certo decorosa come si conviene ad una metropoli moderna. Resteremo sempre a fianco dei lavoratori ".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rota, Cubito e Leonardi inoltre chiedono all'amministrazione comunale ed alla Prefettura "il massimo della vigilanza contro ogni possibile ingerenza della malavita e dei suoi interessi economici in servizi come quello della raccolta rifiuti, estremamente costosi". L'auspicio del sindacato è che Catania possa finalmente beneficiare di un servizio di raccolta di buon livello, trasparente e in grado di assicurare anche una buona comunicazione tra le aziende che lo espletano, ma soprattutto soddisfacente per i lavoratori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento