Richiesta di applicazione del piano regolatore e del piano di riutilizzo a Catania

Ad avanzare questa richiesta è il consigliere Mirenda che dichiara: "Il piano regolatore resta ancora un'enorme incognita per questa amministrazione che sta dimostrando in tutti i modi di essere inadatta a governare una città complessa come Catania"

"Il piano regolatore resta ancora un’enorme incognita per questa amministrazione che sta dimostrando in tutti i modi di essere inadatta a governare una città complessa come Catania. I lavori per una nuova progettazione non sono ancora cominciati adeguatamente e, allo stesso tempo, continua a non essere presa in seria considerazione la proposta di valutare e richiamare in seduta l’atto deliberativo del piano regolatore nato sotto l’ amministrazione Stancanelli". A dichiararlo è Maurizio Mirenda, consigliere comunale di Catania.

L’atto deliberativo del piano regolatore comporterebbe uno sviluppo economico notevole per l’intera città. In particolare centinaia di terreni dislocati nella periferia cittadina sono in completo stato di abbandono. Buoni solo per essere convertiti in discariche abusive oppure per compiere qualsiasi altro tipo di attività criminali. La sola repressione e la vigilanza delle forze dell’ordine in questo contesto non può bastare.

"Ecco perché la mia proposta mira a creare un circolo virtuoso, legato al settore dell’edilizia - continua Mirenda - con conseguente sviluppo occupazionale. Un nuovo corso per Catania a cui legare pure lo studio del vecchio piano di riutilizzo della zona “B” e della zona “A” della città. Un progetto che rivaluterebbe quartieri come Vaccarizzo che, ancora oggi, restano senza opere di urbanizzazione. Territori abitati da migliaia di famiglie che, nel caso della Collina Primosole oppure dei Villaggi a Mare, sono privi di rete fognaria o di un sistema di pubblica illuminazione adeguato. Il progetto è stato già sottoposto all’attenzione della commissione comunale all’Urbanistica".

"L’attuale amministrazione non può, quindi, più nascondersi di fronte ad un lavoro di così grande importanza non solo per Vaccarizzo ma per l’intero territorio. Oggi siamo in largo ritardo rispetto ai termini previsti dalla normativa per la presentazione del piano di utilizzo", conclude Mirenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento